Il satellite della NASA Fermi ha rivelato piu' di 3000 sorgenti di raggi gamma, riportate nell'ultimo catalogo pubblicato nel 2015. Circa un terzo di queste sorgenti rimangono non identificate e non hanno neanche una plausibile associazione con sorgenti astrofisiche note. Uno degli approcci seguiti per l'identificazione è lo studio a multi-lunghezza d'onda di queste sorgenti.

In questo lavoro di tesi si proponedi cercare l'identificazione di un gruppo di sorgenti Fermi attraverso l'analisi di dati X dai satelliti XMM-Newton, Chandra e Swift e dati ottici ottenuti con il Very Large Telescope dell'ESO.

Il satellite della NASA Fermi ha rivelato piu’ di 3000 sorgenti di raggi gamma, riportate nell’ultimo catalogo pubblicato nel 2015. Circa un terzo di queste sorgenti rimangono non identificate e non hanno neanche una plausibile associazione con sorgenti astrofisiche note. Uno degli approcci seguiti per l’identificazione è lo studio a multi-lunghezza d’onda di queste sorgenti.

In questo lavoro di tesi si proponedi cercare l’identificazione di un gruppo di sorgenti Fermi attraverso l’analisi di dati X dai satelliti XMM-Newton, Chandra e Swift e dati ottici ottenuti con il Very Large Telescope dell’ESO.

IDENTIFICAZIONE DI SORGENTI DI RAGGI GAMMA RIVELATE DAL SATELLITE DELLA NASA FERMI